PRIMI PIATTI

Crepes in Brodo

DOSE PER 4 PERSONE

INGREDIENTI:

Carne per Brodo

6 Uova

6 Cucchiai di Farina – Sale – Latte

Formaggio grattugiato in abbondanza 

PREPARAZIONE : Iniziare facendo un brodo di carne (abbastanza grassa) in modo da insaporire il piatto. Successivamente sbattere 6 uova unendole alla farina ad un pizzico di sale e ad un pò di latte , sino a creare una mescola pastosa. Fate attenzione : il risultato della mescola è molto importante, quindi, non diluite troppo e non addensate. Nel frattempo preparate una pentolina bassa (quelle per un occhio di bue) e metteteci mezzo cucchiano d’olio-prendete un fazzoletto di carta per passarlo nella pentolina. Quando inzierà a fumare in maniera leggera con un piccolo mestolo potete iniziare a fare le crepes, facendo attenzione a fare arrivare la mescola sino ai bordi formando un cerchio – il tutto dovrà essere effettuato a fuoco basso, altrimenti rischirete di bruciarle. Dopo averle girate porgetele in un piatto e datele una bella spruzzata di parmiggiano – a questo punto non rimane che arrotolare la crepes. Quando avete raggiunto 25 crepes circa, porgetene 4/5 in un piatto bucandole con la forchetta nella zona centrale, affiche il brodo, successivamente aggiunto, le possa insaporire, quindi, aggiungere ancora il parmiggiano e il pepe. Infine ricopritele con il brodo già preparato e tenuto in caldo.

Preparazione 45° minuti circa

__________________

Risotto al Radicchio

Ingredienti per 4 persone:

40 grammi di riso a persona
1 ciuffo intero di radicchio
olio
mezza cipolla grande
mezzo bicchiere di vino rosso
1 scatoletta di panna
1 noce di burro
parmigiano
acqua
1 dado

In un tegame alto, con un po’ d’olio, fate imbiondire la mezza cipolla; nel frattempo tagliate il radicchio in piccole parti e gettatelo nella cipolla fino a farlo morire completamente.

Quando lo vedrete completamente ammorbidito unite il riso che farete abbrustolire con il mezzo bicchiere di vino rosso.

A parte preparate un po’ di brodo, che verserete ormai nel riso fino a coprirlo.

Lasciate cuocere per 15 minuti. A fine cottura unite la panna, una noce di burro e parmigiano a vostro gradimento.

_______________

Palle di Polenta in Gulash

 Ingredienti per 6 persone:

– 1,200 kg bocconcini carne di tacchino (o di vitello)
– n. 3 cipolle medie
– n. 3 porri
– n. 3 spicchi aglio
– n. 6 cucchiai di salsa di pomodoro
– 150 ml. panna da cucina
– 1 litro brodo di carne o vegetale
– 1 cucchiaio paprika
– due cucchiai farina di mais
– peperoncino
– tre cucchiai olio d’oliva
– sale

– 800 gr farina da polenta
– 3 litri acqua
– un cucchiaio di sale grosso
– due cucchiai olio oliva

– n. 12 formine rotonde di alluminio
– pellicola quanto basta

Preparazione:

Gulasch

Mettete tre cucchiai di olio d’oliva in una padella con i bordi alti. Ottima è la famosa pentola orientale denominata “wok”. Sbucciate gli spicci d’aglio e fateli scaldare nell’olio.

Aggiungete i bocconcini di carne a poco a poco e fateli ben rosolare a fuoco vivace. Con l’aiuto di una pinza da cucina girateli più volte fino a quando tutte le parti risultato ben rosolate. Ammucchiate i bocconcini già rosolati in un lato della padella e aggiungete gli altri bocconcini. Questa operazione è molto importante per sigillare i succhi della carne all’interno. Salate la carne.

Aggiungete la cipolla tritata finemente e fate insaporire per un paio di minuti. Unite la salsa di pomodoro e un cucchiaio di Paprika e girare ancora. Ricoprite la carne con il brodo caldo. Abbassate il fuoco, coprite la padella e lasciate cuocere per 15 minuti.

Pulite i porri e tagliateli a fettine sottili su un tagliere che andranno a formare tanti anellini. Mettere da parte alcuni anellini per la guarnizione del piatto. Gli altri sbollentateli in acqua bollente. Unite gli anellini di porro e poi la panna alla carne.

In una ciotola a parte sciogliete due cucchiai di farina di mais con poca acqua calda e unite il tutto alla carne. Fate ancora cuocere per una decina di minuti.

_____________________________

Spaghetti ai Gamberetti

Ingredienti:

spaghetti o linguine, gamberetti sgusciati, olio, aglio, origano, sale, vino bianco, prezzemolo

procedimento: mettete a bollire una pentola d’acqua nella quale,dopo averla salata, cuocerete la pasta. in una pentola saltapasta scaldate un filo d’olio, soffriggeteci 2 spicchi d’aglio tagliati a metà (che toglierete prima di condirci la pasta), aggiungete una spolverata di origano, unite i gamberetti scongelati, salate, sfumate col vino e lasciate cuocere col coperchio (non devono cuocere tanto), infine, cospargere di prezzemolo tritato e quando la pasta è cotta, scolatela e saltatela nei gamberetti.

__________________

 

Risotto al Radicchio e Salsicce 

Igredienti :

Riso Vialone nano: 400 gr.
Brodo (di dado va benissimo): 1,5 lt.
Burro: 40 gr.
Vino rosso corposo: un bicchiere (2 dl.)
Radicchio trevisano: 200 gr.
Cipolla: una, cicciotta
Aglio: 2 spicchi
Salsicce (pestume): 2 (300 gr.)
Grana grattugiato: 4 belle cucchiaiate
Sale e pepe nero appena macinato: q. b.

PREPARAZIONE: Trito finemente la cipolla e l’aglio e li faccio appassire con metà burro. Io aggiungo sempre un po’ di acqua per evitare che la cipolla si colori e diventa amara. Quando la cipolla è appassita ed asciugata, aggiungo la salsiccia o il pestume sbriciolati. Appena il trito è rosolato, verso il vino. Quando questo è stato in parte assorbito, aggiungo il radicchio che nel frattempo ho tritato, lasciandone da parte una manciata. Subito dopo aggiungo il riso, e lo faccio tostare fin quando diventa traslucido ed ha assorbito il vino ed il condimento. Verso il brodo con parsimonia, mescolando in continuazione, a fuoco allegro ma non troppo. Il brodo va aggiunto un poco alla volta, in modo che il riso ne abbia sempre bisogno. Dopo circa 15 minuti, quando il riso è ancora appena al dente, unisco la manciata di radicchio tenuta da parte e mescolo velocemente. Spengo la fiamma e incorporo ancora il burro rimasto con il formaggio grattugiato ed una bella spolverata di pepe appena macinato. Regolo di sale, ma in genere non ce ’è bisogno. Mescolo ancora bene per fare amalgamare il tutto, incoperchio e faccio mantecare per un paio di minuti. La parte finale della preparazione è la più delicata, perché il risotto deve essere “all’onda”, cioè di una densità e cremosità tali per cui è indifferente usare cucchiaio o forchetta per portarlo alla bocca. Porto in tavola, tenendo a disposizione del grana grattugiato.

PRIMI PIATTIultima modifica: 2008-05-05T21:40:00+02:00da lucalcini
Reposta per primo quest’articolo